Ogni giorno le nostre condizioni di vita cambiano alla stessa velocità con cui cambiamo noi stessi.

I nostri bisogni, le nostre prospettive, le nostre ambizioni stanno cambiando così come cambia il modo in cui immaginiamo di vivere le nostre vite.

Tutti questi cambiamenti interni ed esterni richiedono alcune abilità per farli funzionare e gestirli a favore della nostra evoluzione come esseri umani.

I cambiamenti

Che i cambiamenti siano volontari o causati da fattori esterni siamo chiamati a prendere il timone e solcare la barca della nostra vita con sicurezza, prudenza e consapevolezza, in un’altra direzione, offrendo le giuste condizioni ai passeggeri della barca, che di solito sono i  nostri familiari, i nostri dipendenti o anche i nostri amici.

Il nostro cervello ha un “meccanismo primitivo” e altamente protettivo, quello della paura, in ogni nuova occasione o  nuova evoluzione.  Il suo ruolo è quello di farlo reagire inviando di un segnale di allarme, “Allert” in modo da essere pronti ad affrontare il nuovo sconosciuto

Quanto siamo preparati a rassicurarlo, ad assicurargli che abbiamo il controllo del cambiamento e che non c’è motivo per lui di continuare a suonare l'”Allert”?

Come ci sentiamo pronti a lasciare il nostro “ambiente familiare”, comunemente la nostra “Comfort Zone”, per darci l’opportunità di creare una nuova realtà garantirdogli il successo?

Routine – zona di Comport 

Il cervello umano ama la familiarità, la ripetizione e l’abitudine. Non è un caso che la ripetizione sia la madre dell’apprendimento. I “modelli familiari” ci offrono sicurezza, riconoscimento e una vita quotidiana “confortevole”

Ma cosa succede se alcuni parametri di questa vita quotidiana cambiano e siamo chiamati a “disimparare” e imparare qualcosa di nuovo?

Quali sono i nostri rifornimenti interni che ci sosterranno in questo viaggio di scoperta e allo stesso tempo ad un nuovo apprendimento?

Le nostre capacità e competenze  sono state sviluppate finora abbastanza per questa transizione?

E come rappresentiamo questa transizione nelle nostre menti?

Proviamo eccitazione, curiosità e gioia? Oppure siamo terrorizzati dall’idea della nuova realtà, siamo immobilizzati e invochiamo un potere superiore per affrontarlo?

Modificare la routine 

La paura di fallire in qualsiasi cambiamento desiderato è una normale reazione del nostro mondo interno. Il modo in cui risponderemo e gestiremo questa paura  fa la differenza e ci motiverà nella direzione della ricerca o ci terrà bloccati ancora più a lungo nella situazione in cui ci troviamo già.

E a questo punto possiamo metterci alla prova chiedendogli:

  • Quali lezioni possiamo imparare dall’aver osato un possibile fallimento?
  • Cosa abbiamo da perdere rimanendo in un posto che non ci serve?
  • Come ci sentiremo dopo il “tentativo”?
  • Cosa abbiamo da guadagnare osando anche solo di fallire?

Le possibilità e le paure di fallimento si riducono quando potenziamo le nostre risorse interne con resilienza, flessibilità e determinazione. Questi tre elementi sono muscoli che necessitano di allenamento. Nessun campione è diventato un campione dall’oggi al domani. Ma tutti i campioni si visualizzano come campioni, si impegnano per raggiungere il risultato che desiderano ottenere e si allenano quotidianamente con perseveranza, pazienza e coraggio.

perchè …

Un altro fattore molto importante per ridurre la paura del fallimento è scoprire il nostro “perché“. Perché vogliamo il cambiamento, cosa ci offrirà e quale differenza farà per il nostro ambiente. Ciò funge da incentivo in tempi di fluttuazione, dubbio e tendenza a rinunciare.

Infine, come per tutte i cambiamenti , dobbiamo elaborare un piano d’azione.

Con elementi come la linea del tempo (time line), il modo di soddisfare i nostri bisogni nel periodo di transizione e trovare persone che saranno i nostri compagni in questo viaggio e saranno disponibili a sostenerci.

Quasi nessun cambiamento avviene in un ambiente sicuro. Tuttavia, abbiamo la capacità di scoprire le nostre risorse interne e di rafforzarle in modo che questa sicurezza provenga da noi stessi e diventa  un compagno permanente in tutti i nostri sforzi.

 

×

Ciao!

Clicca sul mio nome per chattare tramite WhatsApp oppure clicca qui per inviarci una mail

× Come possiamo aiutarti?