CoachingNeuroscienzePNL

I 4 colori della personalità e i fattori che incidono sula performance!

By Gennaio 6th, 2022No Comments

Ingaggiare le persone e portarle ad esprimere il loro massimo potenziale e contributo in ciò che fanno, è una delle sfide più importanti che ogni Coach Manager si trova a dover affrontare. Per essere efficace serve sviluppare la capacità di “compito”, quale orientamento ai risultati e al fare, e la capacità di “relazione”, quale capacità di interazione orientata alle persone

Ognuno di noi ha delle caratteristiche differenti che corrispondono alla personalità di ciascun individuo. Ognuna di queste caratteristiche è ricca di talenti, capacità e abilità proprie che ci inducono a comportarci, parlare e agire in un determinato modo, diversamente dagli altri.

Secondo alcuni studiosi (Jung, Marston, Bandler e altri) la personalità di ciascuno di noi sia “colorata” da quattro colori di base, ciascuno con proprie connotazioni e modalità di comunicazione. Comprenderli e scoprire come interagiscono tra loro è la chiave per una vita privata e professionale ricca di soddisfazioni e benessere.

Caratteristiche dei 4 stili di personalità:

IL BLU: è quello che ha bisogno di certezze prima di muoversi, il “precisino”. Va molto sui dettagli e ha un forte bisogno di analizzare, mai d’impulso. La sua emozione dominante è la paura … di sbagliare. l suo lato vulnerabile riguarda la sua difficoltà nel confrontarsi con gli altri, il suo conformismo, la sua razionalità che rifugge come la peste tutto ciò che è emotivo e soggettivo. “Due opinioni sono meglio di una” e “Niente è meno certo dell’incerto” sono due frasi che lo caratterizzano. Dovrebbe imparare a preoccuparsi meno del più minuzioso dettaglio, ad essere più flessibile con sé stesso e con gli altri

IL ROSSO: quello che vuole venire subito al dunque… l’impaziente … Ama le sfide e molto curioso… Preferisce parlare che ascoltare. La sua emozione dominante è la rabbia. Il Rosso può aumentare la sua efficacia imparando che il raggiungimento di obiettivi organizzativi richiede lavoro di squadra e cooperazione. Deve anche imparare che spendendo del tempo per informare, richiedere e ottenere il sostegno degli altri, può aumentare notevolmente il suo rendimento complessivo e la qualità del suo lavoro

IL GIALLO: quello che ha bisogno di stimoli, e non sta fermo un attimo altrimenti si annoia. Dinamico, socievole entusiasta e ottimista. Preferisce i contesti nei quelli può esprimere la sua opinione. La sua emozione dominante è la gioia. Il giallo può aumentare la sua efficacia rendendosi conto che non può accontentare tutti e che imparando a dire “no” più spesso, può rimanere concentrato sui suoi obiettivi. Deve anche imparare a non confondere l’ottimismo con l’irrazionalità e a capire che le regole sono necessarie anche se non gli piacciono

IL VERDE: quello che ha bisogno di armonia, paziente, gentile, posato. Ha paura di esprimere la sua opinione perché teme di creare conflitti. La sua emozione dominante è l’invisibilità. A causa del suo desiderio di mantenere l’ordine e la prevedibilità, può rimanere bloccato nella routine. Il suo bisogno di garanzie può portarlo a perdere delle opportunità interessanti.  Il Verde può aumentare la sua efficacia essendo più assertivo, aperto alle novità e imparando ad accettare il cambiamento. 

Ciascuno di noi possiede tutti i colori e in particolare uno con le sue caratteristiche e modalità di espressione. In una persona raramente esiste solo un colore, molto più spesso ci sono almeno due colori attivi.  Tale quadro ovviamente è riduttivo, perché, quasi tutti abbiamo più di un colore attivo.

I blu e i verdi appartengono alla categoria degli introversi mente i rossi e i gialli, al contrario, degli estroversi.

Il linguaggio dei colori si occupa del come comunichiamo, quali feedback riceviamo in risposta alle nostre modalità, come utilizzare tali modalità o modificarle per gestire al meglio le nostre capacità comunicative. Un manager, Formatore, un Coach efficace prima di tutto dovrà individuare i punti di forza e i punti di miglioramento sui e dei suoi interlocutori per coinvolgere tutti i tipi di personalità presenti nel discorso, anche quelli diversi da lui per relazionarsi in modo efficace e non conflittuale, per prendere decisioni migliori, per ottenere di più.

Cosa fare durante un processo di comunicazione:

  • citare libri, documenti di approfondimento per soddisfare i blu
  • inserire una sfida per far sentire i rossi coinvolti
  • fare una battuta o un sondaggio per fare divertire i gialli
  • cambiare il tuo tono e renderlo più pacato ed empatico per catturare i verdi
Se non conosci né il nemico né te stesso, ogni battaglia significherà per te sconfitta certa. Se non conosci il nemico ma conosci te stesso, le tue possibilità di vittoria saranno pari a quelle di una sconfitta. Se conosci il nemico e conosci te stesso, nemmeno in cento battaglie troverai il nemico.
(Sun Tzu)

×

Ciao!

Clicca sul mio nome per chattare tramite WhatsApp oppure clicca qui per inviarci una mail

× Come possiamo aiutarti?